Pagina:Neera - La freccia del parto ed altre novelle.djvu/295

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

arte antica 287


tare la suscettibilità del marchese. Pensò pure: «Che noia questi desinari fotografati l’uno sull’altro, con un vecchio davanti in cravatta nera, e un vecchio di dietro in calze bianche.... ah! le cene di Landerinette!...»

Fatalmente i pensieri di don Luigi erano tutti di tal natura da non potersi tradurre in parola; così il silenzio si prolungava sul lento assorbimento della zuppa; fino a che, dopo una interna evocazione di gioie lontane, scappò di bocca a don Luigi: hop là accompagnato da un risolino in pelle in pelle — ed avendo quei due monosillabi echeggiato cupamente nella sala antica, il giovinotto tornò prontamente in sè, porgendo il bicchiere al bardolino e lanciò, a buon conto, questa frase inoffensiva: