Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/262

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
256 ipotenùsa, va!


l’arco del corridoio quando sibilò sovr’esse con terribile scoppio di voce questo oscuro anatèma:

— Ipotenùsa, va!

Spiridione Tomei si era vendicato come aveva potuto.