Pagina:Neera - La sottana del Diavolo, Milano, Treves, 1912.djvu/307

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

piccole virtù a spasso 301


Affezione la signora rispose subito con volubilità:

— Non ci occorre, andate.

— Un momento, — prese a dire il signore, — non c’è tua sorella che cerca una donna?

— Ah! è vero ma....

Gettò uno sguardo sprezzante sui vestiti di rigatino:

— .... non sono presentabili. E quelle pianelle? È possibile che nel giorno di ricevimento la domestica apra l’uscio in pianelle?

— Oh! Dio, queste mi sembrano considerazioni ben meschine, soprattutto per tua sorella che ha tanti bambini e le occorrono in casa persone oneste, semplici, quali appunto mi sembrano queste due donne.

— Le informazioni nostre, — saltò su Affezione, — le possono avere dal signor Sindaco e dal signor Curato.

— Sì, sì, — biascicò la signora infastidita, — ma quel fare contadinesco nessuno ve lo toglie. Come si fa ad allacciare un grembiule bianco ricamato su queste figure tozze? E il dialetto?... ora che parlano tutti in italiano!

Il marito si strinse nelle spalle. Disinteresse volle mettere anche lui la sua parolina prima che l’affare cadesse del tutto.

— Le mie sorelle non hanno grande appa-