Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


UNA LEZIONE DI LINGUA TEDESCA.


Et je fis deux heureux à la fois!


Raccontate — io dissi — ed egli incominciò: «Compivo a Bergamo l’ultimo anno di liceo quando, stimolato da un amico, mi posi in capo di studiare il tedesco, e lo stesso amico s’incaricò di scegliere il professore — un professorone coi fiocchi certamente, un Anderbuchen o un Vlandisbachen colla barba, cogli occhiali e con tutto lo scibile umano nel cervello.

— Vieni — mi disse un giorno l’amico prendendomi sottobraccio — voglio presentarti alla fonte eccelsa dove noi beveremo a ondate, a fiotti, a torrenti la tedesca sapienza.

Prendemmo la salita di città — e su e su lungo i Torni che serpeggiano a guisa di spira sul cocuzzolo della montagna.

— Dove diavolo mi conduci?