Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/115

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La mia vicina. 105

niche di camicia), presi il soprabito azzurro e mi rifeci all’uscio della vicina, mormorando con voce commossa.

— È permesso?

Il nido che la rondinella sospende ai veroni inghirlandati d’edera non è tessuto con eguale amore, non ha luce così soave ed ombre così piene di deliziosi misteri come ne aveva la cameretta della mia vicina.

Piccola, ravviata, linda, modesta; due tende azzurre nascondevano il letto, altre due bianche come un fiocco di neve adombravano la nitidezza luccicante dei vetri sull’unica finestra; uno stretto divano azzurro, una poltroncina azzurra, dei ninnoli, dei piccoli tappeti, dei posapiedi in ogni angolo, dei cuscini su ogni sedia, quadri graziosi e lieti, statuette biricchine, un angolo di cielo! un paradiso a quarto piano.

— E così? — fece sorridendo, poichè io restavo immobile col mio soprabito sul braccio.

Come ella sorrideva!

Aveva dentini candidi e brillanti; non sembravano perle, la Dio mercè, ma si mostravano quali erano, denti giovani e sani, disposti a mordere egualmente un labbro innamorato o una bella melagrana matura.

Le esposi il mio caso in poche parole, chiedendole se avesse qualche bottone da supplire almeno almeno ai due mancanti.

— Mi dispiace, non ne ho — rispose ella guardandoli attentamente.

— O povero me, dovevo campare trentacinque