Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
110 Novelle gaje


— Sono veramente mortificato di doverla contraddire, ma non mi sembra finito; mancano ancora due bottoni, e poichè fu tanto gentile cogli altri...

Tornò a sedere e attaccò quei due bottoni con incredibile prestezza.

Io la guardavo e devo pur confessare che in questa occupazione mi fuggiva il tempo rapidissimo, poichè ella era di quelle timide e modeste bellezze che non colpiscono direttamente i sensi, ma si insinuano inconsapevoli nel cuore.

Tac, tac, tac, tac.

Una piccola pendola di bronzo collocata su una mensoletta suonò quattro ore.

— Di già! — esclamai, prendendo il soprabiti dalle mani della mia vicina; e vi aggiunsi un milione di ringraziamenti; le promisi di riportarle subito i bottoni; le dissi che ero felice di averla conosciuta...

— È tardi — interruppe.

La salutai col massimo rispetto ed ella mi rispose con un leggiadro movimento di capo.

Quattro ore, ripetevo provandomi il soprabito davanti al mio specchietto. Non ho tempo da perdere, È singolare, m’è passata la voglia di andare oggi dal signor P. P. Giacobbe. E se rifiuta? E poniamo anche che non rifiuti, se avessi a pentirmene?

Rodolfo, Rodolfo, quando il vino è spillato... orsù, coraggio. Io non sono perdutamente invaghito della damigella — al contrario; ma se la poveretta ha preso sul serio la mia corte non voglio esserle cagione di disinganni.