Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/196

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 Novelle gaje.


— È per questo che volle incomodarsi il signore? disse Francesca quando ebbi finito.

— Per... questo.

— Sono ben dolente di dovergli dire che io lessi quella strofa citata non so dove e ne ignoro completamente l’autore. Oh! anch’io sarei desiderosa di conoscerlo — quell’idea della plejade è stupenda. Ne ho chiesto a varie persone, ma non potei ottenere nessun indizio.

Non c’era più motivo per restare; pure salutai lietamente la signorina portando meco un valido pretesto di ritornare la terza volta.

Lettore, non comprendete?

Io ero deciso a rovistare tutte le biblioteche pubbliche e private per trovare l’incognito autore di quei versi. Sventuratamente i miei impegni d’ufficio non mi lasciavano libero come avrei bramato; ma ricorsi alla bontà d’un amico letterato e mezzo giornalista per aiutarmi nella difficile ricerca.

Passarono venti giorni.

— Sai? mi disse un giorno l’amico tirandomi per la falda dell’abito. Ho trovato il tuo autore; si chiama Giacomo Sacchéro.

— Sacchéro? Chi è costui?

— Un giovane di cuore, elegante verseggiatore, a cui non è mancato che un raggio di fortuna. Se vuoi posso darti un volume completo delle sue liriche.

— Benone.