Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/204

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
194 Novelle gaje.

volte sospirando, che, se fossi morto allora mi avrebbero condotto di cimitero con una bara sormontata dal simbolico giglio!

La mia salute deperiva visibilmente; ero pallido, scarno, macilento; soffrivo al petto, digerivo male, trascorrevo le notti nell’insonnia, i giorni nella noia e nello sconforto. Mi sentivo prostrato di forze e disilluso sui piaceri della vita.

Nella mia gioventù una zingara mi aveva detto che camperei novant'anni — ora, la prospettiva di cinquant’anni ancora di quella stupida esistenza non mi lusingava affatto. Chiamai un medico:

— Dottore, mi sento male.

— Dove?

— Dentro, fuori e in ogni luogo.

— Il vostro male è come la presenza dello Spirito Santo.

— Colla diversità che non sparge su di me le rugiade celesti.

Il dottore sorrise e mi toccò il polso — guardò la lingua — ascoltò il cuore — picchiò sui polmoni e concluse:

— Caro signor Gregorio, volete un consiglio d’amico?

— Ci calcolo.

— Ebbene, prendete moglie.

Un lungo gemito uscì dal mio petto.

— Il rimedio non vi piace forse? Vi assicuro che non è disgustoso.

— Dite dunque che è dolce come la manna, dottore! Dite che è l’ambrosia dei mortali!