Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
198 Novelle gaje.


Sedette e si appoggiò al parapetto colla noncuranza sdegnosa di una donna che sa di esser bella; poi, allontanando un riccio importuno, girò sulla platea due occhi neri, franchi, sicuri — di quegl’occhi che se non promettono molta gioia all’amore, lusingano però l’amor proprio. Il dottore la salutò; ella gli fece un cenno amichevole colla mano e chinò graziosamente il capo.

Durante il primo atto, Aurora mi tese una rete d’occhiate assassine; nel secondo rinserrò i nodi mostrandomi compiacentemente la curva voluttuosa delle sue spalle; il terzo non toccava la fine che io ero già cascato come un merlo.

— Dottore, io impazzisco per quella donna.

— Cattivo metodo: mens sana in corpore sano.

— Vi pare ch’ella corrisponda?

— Oh che! credete che la fisionomia d’una donna sia semplice come l’abbici?

— Come potrò dunque sapere?

— Pazienza — è la diplomazia dell’amore.

Andai a casa ebbro. Io non bevo e non fumo, ma gli sguardi d’una bella creatura appartenente all’altro sesso mi hanno sempre fatto l’effetto del vino e del tabacco — mi ubbriacano. È per questo che salii le scale cantando a squarciagola:

Bella fanciulla dall’occhio nero
Tu sei la stella del mio pensiero

che all’indomani i vicini mossero lagnanza al padrone di casa sugli urli strani che avevano turbato i loro sonni.