Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/273

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Un matrimonio di progetto. 263


Passiamo dalla teoria al fatto. C’era appunto in via S. Protaso al Foro un’agenzia matrimoniale molto accreditata.

La personificava certa signora B. vedova di due mariti e sufficientemente provvista di beni di fortuna per vivere agiatamente non solo, ma per convitare tratto tratto i suoi amici a serali convegni, dove i vecchi potevano giocare, gli uomini fumare, ciarlare le donne e i giovani d’ambo i sessi fare all’amore.

Ognuno vi trovava il suo conto — non esclusa la signora B. che vinceva sovente a picchetto o a tarocchi; piacevasi eziandio ad arrotolare fra le sue dita grassoccie un paquitos o un maryland; si occupava di pettegolezzi e... in fede mia, poichè il dado è tratto, diciamo anche che arrischiava qualche passo sul terreno riservato ai quindici e ai vent’anni — poh! chi sarebbe stato tanto impertinente da proclamare ch’ella ne aveva quaranta?

La società della signora B. componevasi quasi esclusivamente di persone lanciate da lei o sul punto di doversi lanciare.

Nessuna distinzione di ceti. Arte, commercio, industria, finanza, giornalismo — un’olla podrida ch’ella rimescolava, manipolava, suddivideva, cospargendo di sale e di pepe a seconda dell’occasione e dei palati.

Ella viveva solo per occuparsi dei fatti altrui; brigare un impiego, raccomandare una causa, promuomere collette, perorare, correre, ottenere posti gratuiti