Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/280

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
270 Novelle gaje.

sguardi non v’era ombra d’offesa, non v’era che una meraviglia mista a tenerezza.

Dal canto suo la fanciulla si trovò quasi magnetizzata sotto quello sguardo che le rammentava improvvisamente tempi così lontani...

— Signora... balbettò lo sconosciuto. Nè potè aggiungere altro.

Anna fece per uscire; già la sua mano posava sulla cortina dell’uscio, quand’egli trattenendola con un gesto supplichevole disse:

— Signora, io devo chiederle perdono se una strana rassomiglianza...

Anna gettò un grido. Quella voce, quel sorriso, quel lampo degli occhi, oh! non poteva ingannarsi... era lui!

— Maurizio! gridò.

Maurizio era già nelle sue braccia. Quanta gioia in quell’amplesso, quanto compenso ai lunghi e malinconici anni trascorsi.

Come si guardavano! — trovandosi un po’ mutati, è vero, ma sempre l’uno all’altro cari.

Si ridissero tutte le loro pene ed ognuna di esse cancellarono con un bacio.

Ripescarono nel gran mare dell’oblio tutte le pagliuzze, tutti i fuscelli e i fiorellini che avevano servito a tessere il loro nido d’una volta — ora lo avrebbero rifatto quel dolce nido d’amore e giurarono scambievolmente che nessuna forza umana li disgiungerebbe mai più.

Quel gabinetto era per loro ai confini del mondo. Non pensarono neppure che a pochi passi, una società gaia e spensierata, danzava sorbendo dei gelati e recitando dei calembourgs.