Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/284

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
274 Novelle gaje.

vecchia e peccatrice Università di Pavia. Sembrava ch’egli dovesse fare lo studente a perpetuità; certo che quella vita gli piaceva sopra tutte le altre; alla fine d’ogni anno si accomodava sempre in modo che dovesse rimanervi un anno ancora.

Le virtù casalinghe e morigerate di un giovane ben pensante (se caso mai esistevano allo stato d’embrione nei bernoccoli del suo cranio) non avevano preso uno sviluppo visibile, nè tampoco palpabile. Una foresta — non vergine, oimè! — di capelli biondi gli recingeva la fronte spaziosa, e l’occhio sereno, audace, vibrava lampi continui sulla sua fisonomia birichina. Aveva i baffi sottili, i denti bianchi e un piccolo nèo sotto la guancia. Era bello, gentile e scapestrato anzi che no.

Il suo tutore gli scriveva tutti i mesi lina lettera commovente di questo tenore:

«Io m’avvedo pur troppo, caro Patrizio, che tu cammini sulla strada della perdizione; il tuo patrimonio è sciupato; ti mando le ultime cento lire; provvedi alla tua esistenza perchè sei rovinato.»

Patrizio prendeva nota delle ultime cento lire, ben persuaso che non sarebbero state le ultime definitive, e colla lettera fabbricava degli uccelli di carta da gettare nella finestra della cappellata dirimpetto, per farle sollevare gli occhi e farle gridare a bassa voce, senza chiudere i vetri: «Insomma, signor Patrizio, vuol finirla?»

Egli si era deciso a non leggere più le lettere del suo tutore; primo, perchè il brav’uomo scriveva ancora colla erre all’antica e questo metodo lo stan-