Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
282 Novelle gaje.

ringava mezza dozzina di studenti suoi amici particolari. Il tema era questo:

«Dimostrare che il mondo civile si appoggia sul progresso, il progresso sulla scienza, la scienza sui professori, i professori sugli scolari, ergo — essere gli scolari la classe più benemerita della società e la sola degna di considerazione.»

Gli uditori di Patrizio lo circondavano in pose diverse, classiche e romantiche, ascoltandolo più o meno, ma fumando tutti e gridando in mezzo a nuvoli di fumo, tra i bicchieri colmi di un vino color amaranto.

Un po’ in disparte Gildo, intabarrato come fosse il mese di gennaio — ed era aprile — non faceva mai udire la sua voce. Lo si chiamava già l’ombra di Patrizio: Patrizio era fiero di avere un’ombra così fedele.

Avevano tentato di prendere a gabbo quel cosino esile e spaurito. Uno studente del terzo anno gli domandò a bruciapelo:

— Che cosa è l’ipotenusa?

E Gildo si era chiuso più che mai nel suo mantello tirandosi vicino a Patrizio.

— Lasciate in pace questo ragazzo — disse Patrizio — io lo proteggo e guai a chi lo tocca. Udite piuttosto una grande notizia. Sto per diventare milionario.

Un urrà strepitoso fece eco alle parole di Patrizio. Non gli si credeva nè punto nè poco.

— Davvero! davvero! Vi giuro sulla testa di cane della mia pipa che quanto ho detto è la pura verità.

Il fumo denso del tabacco si svolgeva in spire ci-