Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/296

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
286 Novelle gaje.

— Singolare personaggio! — pensava poi Patrizio allontanandosi. — Eppure... eppure sento di amarlo più di tutti gli altri.

Ogni mattina, sotto i portici dell’Università, i due amici si incontravano.

Patrizio non si sentiva completo se non vedeva la bruna personcina del suo protetto movergli incontro e domandargli:

— Mi permetti, Patrizio, di venire con te?

Del resto Patrizio non si era mai curato di informarsi precisamente sulla condizione di Gildo. Sembrava molto agiato; questo era facile a capirsi dagli abiti, dalla biancheria finissima, dalla bella camera che abitava, dalla facilità di spendere. Chi fosse poi, era un segreto che egli sembrava custodire gelosamente e che Patrizio non aveva smania di conoscere.

Facevano insieme delle lunghe passeggiate. Insensibilmente, senza accorgersene e senza annoiarsi, Patrizio variava il suo genere di vita.

In presenza di Gildo non gli piaceva comparir troppo scapato; l’innocenza di quella creatura gli imponeva un rispetto superstizioso e poetico; ne subiva senza sforzo l’ascendente e più d’una volta in quel dolce mese d’aprile si trovò — lui, lo scapestrato — a correre in un prato insieme a Gildo, osservando i fiori, il cielo, le rondini, trovando in questo genere di vita delle sensazioni nuove e curiose; una specie di ritorno all’adolescenza; una follia di-