Pagina:Neera - Novelle gaje, Milano, Brigola, 1879.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
66 Novelle gaje


M’era venuto un coraggio da leone. L’aleatico momentaneamente smarrito in chi sa quale latebra ignobile del mio organismo, riprendeva il suo corso generoso avvivando il sangue delle arterie; esclamai:

— Comunque sia, viva il romanzo!

— A proposito, hai uno zolfanello? Volevo gridare viva lo sigaro! — disse Oreste.

— Non ne ho.

— Allora, morte al sigaro. Cantiamo:

Era notte e non ci si vedea
Perchè Marfisa avea spento il lume...

Pliff!

— Ohèe! sono entrato nell'acqua fino a metà gamba.

Dopo questa esclamazione d’Oreste, io, prudentemente, mi fermo. Egli bestemmia.

— Niente lume e niente zolfanelli. Non ci si vede un corno!

— Ma dove sei cascato?

Non risponde subito, si orizzonta a quel che pare, poi dice tranquillo e molto soddisfatto, come un professore di, storia naturale che è riuscito a classificare un centopiedi:

— È una diramazione capricciosa e imprevista della Versa; un vivaio forse dove le streghe tengono in fresco i loro rannocchietti, ma se vuoi credermi, è meglio pigliare questa via così miracolosamente indicataci dalla Provvidenza. Ho in mente che il sentiero è bugiardo e che a seguirlo ci condurrebbe fuori di strada.

— Di che via intendi parlare? — domandai ve-