Pagina:Neera - Un nido, Milano, Galli, 1889.djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
94 Parte seconda.

doveva venire proprio lei a rompergli il giuoco — le diede un buffetto e fischiò con maggior lena.

— Ricordati — disse Rachele tossendo — che mi devi far venire da Milano un paio di scarpe a sandali, con bottoncini d’acciaio brillantato.

— Sì.

— Coi tacchi alti.

— Sì.

Siccome Rachele tossiva ancora, Bruno si alzò per versarle da bere. La ragazza bevette, ma tenendo in mano il bicchiere, tra un sorso e l’altro, continuò:

— Di tanto in tanto ti faccio spaventare, non è vero, papà? Vado soggetta alle infreddature, e poichè sono robusta, mi pigliano con impeto, sopraggiunge la tosse e la febbre, ma non è niente. Tu e il medico mettete giù un grande apparecchio (si fermò un istante per prender fiato), e non è niente affatto.

— Scuro; niente affatto. Prendi una pillola...

— Ma se è inutile!

Inutile purtroppo!

A Bruno cadde la testa sul petto, e gli occhi,