Pagina:Neera - Un nido, Milano, Galli, 1889.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 Parte prima

dolente e dimenticava quasi che Carlo le aveva detto: Scrivi, venga — una intera perorazione.

Quando se ne sovvenne, si sovvenne pure che in tutta la casa non avrebbe trovato un foglio di carta, e lo fece osservare timidamente al fratello.

— Denari! sempre denari! Voltati di là.

— Dove?

— Di là verso il muro; non guardarmi.

Amarilli si volse. C’era sul muro un ragno dalle lunghe gambe acrobatiche che correva, correva su verso il soffitto. Amarilli guardò quel ragno e sentì nel medesimo tempo un rumore secco, stridente.

— Non voltarti! — gridò il vecchio.

Passarono cinque minuti. Il ragno ridiscese dondolandosi a un lungo filo argenteo. Amarilli pensava ch’esso era molto felice, perchè il filo incominciato sulle travi cadenti di quell’antro poteva finire dentro un cespuglio profumato di glicine o di caprifoglio. Pensava alla povera Editta e a sè stessa, e sospirava.

— Ora voltati; ecco l’occorrente.

Un pezzo irregolare di una vecchia carta giallastra, un po’ bucherellata, un po’ sucida, giaceva sulla scacchiera. Donde era uscita? Nel ta-