Pagina:Neera - Una giovinezza del secolo XIX.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
226 Una giovinezza del secolo XIX


per Università alla quale si iscrisse giovanissimo, poi per la campagna garibaldina, poi per la scuola alla Veneria di Torino, uscendone ufficiale d’artiglieria e dando nello stesso tempo gli esami al Valentino per la laurea di ingegnere. Egli aveva ricevuto dalla natura tutti i doni del corpo e della mente, per cui un alto problema di matematica gli riusciva altrettanto facile quanto un esercizio di equitazione, di nautica o di ballo. Di esame in esame, passò allo Stato Maggiore, alla direzione della scuola di guerra, alle Ambasciate; mai una volta gli venne assegnata in sede la sua città nativa, e per quanto il nostro reciproco affetto non ne subisse menomazione di sorta, la vita ci tenne lontani non solo, ma divisi da tutto un ordine di fatti e di idee; lui brillante ufficiale della nuova Italia a contatto colle lusinghiere realtà de’ suoi vent’anni, io meschina Cenerentola nutrita di magre fantasie. L’altro fratello era più giovane di noi, e il candore, la semplicità dell’animo suo me lo facevano considerare un eterno fanciullo. Aveva delle manie innocenti: per un po’ di tempo si pose a fabbricare scatole e scatolini; in seguito furono libri e libriccini, detronizzati da una raccolta multicolore di bastoncini di ceralacca. Studiava anch’egli matematiche e basta l’evocazione di questa