Pagina:Neera - Vecchie catene, Milano, Brigola, 1878.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 15 —

niscenze — eccola là col suo nasino di pappagalluccio elegante, sempre bionda, sempre bianca, ma affemmia punto migliorata!

Abbassò l’occhialetto e completò le sue osservazioni con un leggiero movimento del capo in senso negativo:

— Nulla, nulla. Non c’è nè stoffa nè ricamo; non è una bella donna e non è neppure una donna seducente. Oh! sua zia...

Gettiamo le redini sul collo alla galante immaginazione del marchese, che già non si occupa più della fanciulla, e prendiamo il suo posto per osservare un po’ più attentamente la nostra futura eroina.

Alla vigilia appena ella aveva buttato via la divisa delle Marcelline — abito color nocciuola con un’ampia pellegrina orlata di seta azzurra — l’aveva portata dodici anni, ed è a credere che il nocciuola e l’azzurro le fossero diventati i colori più antipatici del mondo.

Forse perciò vestiva una mussolina a righe bianche e rosse che stava malissimo; malissimo il rosso perchè bionda, malissimo le righe perchè magra.

I poeti parlano spesso delle grazie dell’adolescenza. Mio Dio! Avete mai incontrato un collegio di fanciulle? Avete mai veduto quella lunga fila di piedi grossi, pesanti e mal calzati che battono in cadenza sotto un corpo squilibrato, con due antenne inele-