Pagina:Negri - Orazioni, Treves, Milano, 1918.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Luigi Majno 95


lamento del secondo Collegio della sua città, conquistato per lui alla democrazia socialista: poi volontario se ne ritrasse. Alla sua monolitica individualità non potevano non ripugnare le vie traverse, le meschine ambizioni, i compromessi di Montecitorio.

Egli, del resto, amava troppo la sua Milano — dove fin da bambino aveva vissuto, e che gli somigliava. Nativo di Gallarate, lombardo puro sangue, troppo amava la vera Milano del pittoresco Naviglio, del grasso e rude dialetto portiano, della celia bonaria, della bontà senza fondo, dell’attività febbrile; e non sapeva e non poteva staccarsene, e fuor dell’ombra del campanile di Sant’Ambrogio era un pesce fuor d’acqua.

Nessuno, ch’io sappia, penetrò, gu-