Pagina:Negri - Orazioni, Treves, Milano, 1918.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Roberto Sarfatti e i divini fanciulli 157


sere quel che mi è successo in Val Capra: sai, quella volta, dopo la quale mi proposero per la nomina a caporale, che mi è ora venuta; ma in verità io non feci che quello che dovevo fare».

Sui primi galloni conquistati scherza in ogni lettera, mattacchione:

«Non mi lascerò ubriacare dalla gloria, sai: e penserò sempre, sia pur nella porpora di caporale, all’umile casetta dove nacqui».

Si precipita in casa il dieci di gennajo, per la famosa annunciata licenza di quindici giorni: ai familiari, che gli si buttano addosso ridendo e piangendo, grida gioiosamente, nel suo dolce dialetto veneziano:

Fève indrio, che son pien de peòci!...

Pidocchioso è, infatti: sporco, strac-