Pagina:NicodemusTessin dy dagbok 1688.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Domenico Fontana fù Architetto molto celebre, nacque l'anno 1543, fù impiegato in Roma nel Pontificato di papa Sisto V. per la sua capella à S:ta maria Maggiore, poi per l'eretione dell'Obelisco Vaticano, trovato nel Circo di Cajo e Nerone, il quale di granito rosso, da i Latini chiamato marmo Thebaico, cosi tagliato da i monti di Thebe d'Egitto, senza figura alcuna; la sua altezza ascende à palmi 107½ senza la punta alta pal:mi 6: la larghezza da piedi si dilata 12 pal:mi e m. 5: ed in cima si restringe a 8 pal:mi m. 5: fà palmi □ 11204, pesando ogni palmo cubo del med:mo sasso libre 36, di trova che l'Obelisco Vaticano pesa libre novecento settanta tre mila, cinquecento trenta sette libre. Tutta la Guglia si alza dal piano della piazza fino alla sommità della croce sopra pal:mi 180. Per questa erettione fù creato Cavalier di Speron d'oro, e fatto Nobile Romano con pensione di 2000 scudi d'oro, la quale potesse tranferir à suoi heredi. Anche gli furono pagati 5000 sc: d'oro in contanti, e per fine hebbe in dono tutto l materiale, ch'era stato adoperato in quel lavoro, robba stimata sopra à 20000 scudi di moneta Romana. Vi è commesso l'errore, che non corrisponde in mezzo alla facciata della chiesa, ma si trova fuori dalla linea verso Settentrione pal:mi 15½. Alzò poi la Guglia del Mausoleo di Augusto nella piazza di S.Maria Maggiore, poi quella nella piazza di S. Giovanni in Laterano, come anche quella di rimpetto la porta del popolo, tutte due ritrovate nelle rovine