Pagina:NicodemusTessin dy dagbok 1688.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


d'un Cardinale offertagli, mentre il Papa Leone X.mo, alla fine della sala che per luy faceva, gli haveva promesso in ricompensa delle fatiche e della sua virtù il Capello di cartdinale: morì all'anni 37. all'anno 1520, e fù sepolto nella Ritonda. Gli miserò alla morte al capo nella Sala ove lavorava la tavola della trasfiguratione, la qual opera, nel veder il corpo morto, e quella viva, faceva scoppiar l'anima di dolore, à ognuno che quivi guardava: haveva di Cubiculatio del papa: viveva da Prencipe più tosto che pittore. Al suo sepolcro furono fatte queste parole:

Illa hic Raphael, timuit quo sospite vinci
Rerum magna parens, et moriente mori

Queste parole sono composte dal Card: bembo, e tradotte in Italiano dal sig.r Bellori in queste parole:

Questi è quel Raffael, cui vivo vinta
esser temeo natura, e morto estinta.