Pagina:Nietzsche - La Nascita della Tragedia.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

prefazione del traduttore xli


mondo germanico, Urvaterland tedesco, contro il cristo fenomenico etico. Prima di fare l’amabile conoscenza con l’alter ego dialettico di cotesto greco Dioniso, che è in verità tanto greco quanto è poetica la zeppa cacciata in una strofa per la rima, prima di far la conoscenza con Apollo, guardiamo un po’ più da vicino quale è la base logica o fantastica su cui è stato eretto cotesto sacro educatorio schopenhaueriano-nietzschiano della musica, infonditrice di verace sapienza, pedagoghessa di metafisica. Troppe sciocchezze ne diluviarono sulla «musica scientifica», sulla «musica filosofica», sulla «filosofia della musica», sulla «musica dell’avvenire», e simili varietà e variazioni; fatuità ammantate di sapienza acromatica, spropositi assurdi anche come spropositi, che tuttora oggigiorno torcono i precordi ai contrabbassi. Lo Schopenhauer, seguito in questo dal Nietzsche, non considera l’arte come nascente tutta da un germe unico, da un’unica origine, fantasia o altra attività dello spirito che sia, ma tornando indietro ai tempi anteriori al Lessing, tira una gran linea di divisione tra le arti, e separa nettamente la musica dalla poesia e dalle altre consorelle, perché la musica, egli opina, è un’emanazione diretta della Volontà autrice di questo nostro mondo illusorio: le altre arti sono rappresentative, cioè individuative, laddove la musica è immediatamente volitiva. Donde gli viene in mente un’idea siffatta? Gli viene da questo: laddove la poesia e le arti figurative, sia per mezzo della