Pagina:Notizie del bello, dell'antico, e del curioso della città di Napoli.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 256 —


    nate la Levriera, la Galatea, la Aurora, la Aretusa, la Fortuna, la Fama: alquanti sciabecchi da 20, cui davansi i nomi di s. Pasquale, s. Gennaro il vigilante, s. Carlo il difensore: quattro brigantini, cioè Vulcano, Lipari, Stromboli, e lo Sparviere: le galeotte s. Giuseppe, Attiva, Vespa, Prudente, Rondine, Allerta e Serpe; e cento barche cannoniere. La quale flotta discretamente ragguardevole andò miseramente incendiata e dispersa per casi che qui non accade andar rinfrescando nella memoria. Laonde alle poche reliquie si aggiunsero più tardi il Ferdinando, l’Aquila, ed il Calabrese.
       Ed oggi la nostra marineria da guerra componesi di due vascelli, il Vesuvio, da 80 ed il Capri da 74: di cinque fregate, la Partenope e la Regina da 60; l’Urania, l’Amalia e l’Isabella da 44: de’ brigantini lo Zeffiro, il Principe Carlo, il Generoso, l’Intrepido ed il Valoroso da 20: delle corvette Cristina da 22 ed Etna da 10; delle golette la Sibilla, e la Sfinge da 14; e delle fregate a vapore il Ruggiero, il Guiscardo, il Tancredi, l’Ercole, il Roberto e l’Archimede da 300 cavalli, e di recente in costruzione altre quattro, il Carlo III, il Sannita, il Tasso ed il Fieramosca. E contansi da ultimo questi altri legni a vapore, o per leggermente armarli o per menar le milizie. da sbarco, lo Stromboli, da 200, il Ferdinando II da 180, ed il Nettuno da 120, il Wenefrede ed il Flavio Gioia da 50, il Delfino e la Furia da 30, e cinquanta all’incirca di picciole navi da sopraccollo fra bombardiere, paranzelli, barche cannoniere, e corridoie.
       Della reclutazione. La reclutazione militare è il modo di comporre la soldatesca negli Stati di Napoli fin dal dì 4 gennaio del 1810, in cui fu tolta ogni maniera di reclutar speciale, siccome avvenne negli anni 1798 e 1805, in cui furon levati otto uomini a migliaio. Quind’innanzi la legge chiamava i cittadini di tutti gli ordini, da’ diciassette ai venticinque anni, a concorrere alacremente alla difesa del trono e del reame. Pure nell’anno 1814 fu posto in uso il metodo delle antiche leve, per reclutare e rinnovar l’esercito; perocchè pareva che una pace durevole avesse ad aprir il campo a favoreggiare la popolazione l’agricoltura e le arti. Le ordinanze poscia quinquennali, cioè degli anni 1816 e 1818 richiedevan dal Comune tre uomini per ogni due mille fra’ 21 e i 25