Pagina:Notizie del bello, dell'antico, e del curioso della città di Napoli.djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 261 —


    leria, Essa recasi nelle fiere, le quali celebransi in massima parte nella primavera, ne’ luoghi dove d’ordinario raccolgonsi polledri, e compra cavalli dell’altezza di cinque palmi e due terzi sino a quella di cinque e tre quarti, il qual termine è oggi sovente volte soverchiato per miglioramenti ottenuti. D’altra parte poi, comprati che son giovanissimi i cavalli per le rimonte, viemeglio aggrandiscono innanzi di entrare nelle file. Il prezzo dato alla rimonta è variabile, secondo la bontà de’ cavalli, ne’ varii anni, l’un per l’altro, è sommato a 72 ducati. Alcune volte si fa al manco dei mercati, giovandosi di cozzoni i quali ne forniscono qualche centinaia e forestieri e napolitani al prezzo medio di ducati 70. I cavalli romani essendo in generale più alti degl’indigeni, comunque men vivaci ma di migliori forme, sono precipuamente adoperati dalla gendarmeria e dall’artiglieria svizzera; quelli che ne rimangono si danno alle artiglierie equestri ed a’ dragoni. I cavalli delle rimonte devono almen contare tre anni compiuti; e dopo comprati si menano prestamente a’ prati della Terra di Lavoro, dove rimangono fino a’ tempi estivi, comechè si volga in mente di tenerli a’ pascoli per più mesi, atteso il grave danno di porli sì prestamente a’ servigi.
       Checchè sia, il costo degli animali per rimontare la cavalleria innanzi che entrino nelle file puossi tenere un terzo di più del primo prezzo; calcolandovi gli accidenti e le perdite. La statura de’ cavalli de’ dragoni, de’ lancieri e cavalleggieri è la stessa, pure i più alti si danno a’ dragoni; comechè la statura de’ lancieri sia per contrario più alta. La gendarmeria s’incavalla a sue spese, ed ogni gendarme dee somministrare al corpo la somma di ducati ottanta se pure non venga, siccome è facil cosa, da’ reggimenti di cavalleria, nel quale caso, paga lo Stato la somma di ducati venti.
       L’istruzione de’ cavalli giovani compiesi ne’ reggimenti sotto la direzione dell’aiutante domatore. Perlocchè ne’ quartieri è segnata una cavallerizza scoverla, dove così di està che d’inverno i migliori soldati e gli uffiziali meglio accomodati all’istruzione sono deputati ad addestrare i cavalli di rimonta. Nel quale ammaestramento cercasi oggidì di lasciar ogni maniera di forza e di rozzezza, ed usar invece la benignità e la dolcezza, che è si potente