Pagina:Notizie del bello, dell'antico, e del curioso della città di Napoli.djvu/8

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 10 —


Alcuni poi, o poco pratici degli antichi scrittori, o poco eruditi nella greca favella (equivocando Falero per Falare) han detto, che Falaride tiranno Siciliano edificata l’avesse: e così per molto e molto tempo la città col nome di Falero appellata ne venne; come chiamata viene da Licofrone, e da tant’altri. E questo nome lo ritenne per molto, e molto tempo.

Essendo dipoi capitata nella nostra Falero, molti anni dopo della fondazione, Partenope greca, figliuola del re di Fera, venutasi dall’isola di Euboa, con molti Calcidici, che anco Greci erano, piacendoli molto il sito, e l’amenità del paese, volle fermarcisi; e cominciò ad ampliarla: in modo, che la città, non più di Falero si disse, ma di Partenope.

Il creder poi, che questa fosse stata Sirena, che col canto incantava i passaggieri, è un credere per istorie le favole d’Omero che ne inventò delle belle, per ornamento dell’epico suo poema: a costume de’ Greci, che ponno chiamarsi padri de’ favolosi ritrovati. Nè si può dare a credere i cittadini Partenopei, che anche in quei tempi erano Greci, e d’una Città, che tra l’Italo-Greche, era forse la più bella, e la più perfetta, essere stati così sciocchi e balordi, che avessero eretto tempii, e costituiti giuochi lampadii ad una Partenope, che non fu mai, che nelle favolose carte d’un poeta.

Benchè molti spositori delle greche scritture dicono, che questa scorza favolosa delle Sirene copriva il midollo sodo del vero: e si era, che il sito della nostra Città era per ogni capo sì ameno, il terreno così fertile, e gli abitatori veri così umani, che distoglievano da’ loro viaggi i passaggieri, costringendoli per le delizie a fermarvisi. Ma discorrasi di ciò come si vuole. Torniamo alla storia 1.

  1. Il Reame di Napoli, che nell’estendersi in piani inclinati, vien circondato dal Tirreno, dal Ionio e dall’Adriatico; tracciato dagli Appennini, che piegandosi, alle spiagge s’accostano; irrigato da fiumi, primi de’ quali il Garigliano ed il Volturno che tra uber-