Pagina:Notizie storiche delle maioliche di Castelli e dei pittori che le illustrarono.djvu/17

Da Wikisource.

PREFAZIONE




Mentre nel secolo passato parecchi chiari uomini erano intenti ad illustrare i vasi antichi, il Passeri (ch’era così versato nella geologia come negli studî archeologici) avvisatamente notava, che non avrebbe fatta opera di lode men degna chi l’animo avesse rivolto alla illustrazione delle maioliche dipinte, le quali in questi ultimi tempi fecero onore all’Italia. Nè mal si appose quel raro ingegno; chè il suo libro delle maioliche pesaresi fu accolto con plauso dall’universale. In prosieguo l’esempio del Passeri fu seguito dal Pungileoni, dal Montanari, dal Muzzi, dal Frati, dal Raffaelli e da tanti altri: i quali degnamente parlando delle maioliche lavorato nel Pontificio, loro accrebbero il grido che aveano acquistato.