Pagina:Nova polemica.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 prologo.

lisme se répand et éclate alors que le daguerréotype et la photographie démontrent combien l’art diffère du vrai». Ma tutto questo accade perchè anche nell’arte si è voluto distinguere nell’uomo la materia dallo spirito, l’anima dalla carne, mentre l’uomo è uno; ed è perciò che noi lo vogliamo rappresentato tutto intero, nella bellezza e nella deformità, negli istinti sublimi e nei bassi, com’è, come l’hanno fatto i tempi, le religioni, le virtù ed i vizi. Vorremmo che l’amore si cantasse come tutti lo sentono, non aspirazione platonica ad un tipo, ma desiderio sublime di una donna intera, spirito e carne; di una donna vera e viva, santa o peccatrice che sia. Cercare la deformità, accarezzarla, compiacersene, è caso patologico; ma lo è altrettanto fingere che la deformità non esista. È vizio l’eccesso come il difetto, la lussuria come la castità, e poichè il nostro secolo lo sa e lo dice, vogliamo essere del secolo nostro. Vogliamo l’arte del presente, non quella del passato, non quella dell’avvenire. Vogliamo sentire come i nostri nervi ed il nostro cervello comportano, non attraverso al diaframma delle sensazioni altrui. Vogliamo