Pagina:Novelle rusticane (1885).djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 novelle rusticane

e raccoglierle? — E se gli domandavano un soldo rispondeva che non l’aveva.

E non l’aveva davvero. Chè in tasca non teneva mai 12 tarì, tanti ce ne volevano per far fruttare tutta quella roba, e il denaro entrava ed usciva come un fiume dalla sua casa. Del resto a lui non gliene importava del denaro; diceva che non era roba, e appena metteva insieme una certa somma, comprava subito un pezzo di terra; perchè voleva arrivare ad avere della terra quanta ne ha il re, ed esser meglio del re, chè il re non può ne venderla, nè dire ch’è sua.

Di una cosa sola gli doleva, che cominciasse a farsi vecchio, e la terra doveva lasciarla là dov’era. Questa è una ingiustizia di Dio, che dopo di essersi logorata la vita ad acquistare della roba, quando arrivate ad averla, che ne vorreste ancora, dovete lasciarla! E stava delle ore seduto sul corbello, col mento nelle mani, a guardare le sue vigne che gli verdeggiavano sotto gli occhi, e i campi che ondeggiavano di spighe come un mare, e gli oliveti che velavano la monta-