Pagina:Occhi e nasi.djvu/115

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 114 —


*

Il teatro pur troppo è mezzo vuoto; ma gli amici dell’autore ci sono tutti, tutti fino a uno! E aspettando che si alzi il sipario, ridono fra loro, bisbigliano, si ammiccano e si dànno delle laughissime fregatine di mano in segno di sincero compiacimento.

Gli amici dell’autore drammatico, per il solito, non sono cattivi di cuore; ma l’unica speranza che rallegri la loro vita è quella di poter fischiare cordialmente l’amico.

*

Siamo vicini al momento solenne.

L’orchestra suona la solita e malvagia sinfonia, tanto per indisporre l’animo del pubblico.

Il sipario si alza.

Se la commedia piglia buona piega ed è applaudita, il capocomico rientra fra le quinte e dice all’autore:

— Caro mio! Lei può ringraziar me! Nelle mani d’un altro, questa commedia non arrivava al second’atto: era un fiasco sicuro. —

Poi vengono sul palcoscenico gli amici, i quali, affollandosi intorno all’autore e stringendogli la mano, gli bisbigliano:

— Caro mio, ringrazia noi! Senza di noi, credilo, la commedia non arrivava in fondo. Ci siamo