Pagina:Occhi e nasi.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


I nostri bambini




I.


Beati i tempi di una volta!

Beati quei tempi, quando per mettere la pace e l’allegria in una nidiata di ragazzi, bastava un bel presepio, largo o sfogato quanto una scatola da cappelli, coperto modestamente di prezzemolo o di borraccina, con dentro due pastori di gesso sbocconcellati e i soliti tre Magi vestiti da coristi, e un bue e un asinello color di caffè e latte sdraiati per terra, in atto di soffiare nella pappa, e fra loro un bambinello, anche quello di gesso, coi capelli biondi come la farinata gialla e con due gote rosse come due macchie di vino, e su, nell’alto del presepio, un gran foglio tutto tinto perchè somigliasse all’azzurro del firmamento, e una lunga frittella d’olio nel mezzo, illuminata di dietro, perchè facesse la parte di cometa e servisse di guida ai sullodati coristi!

E gli altarini?

Chi non ricorda quegli altari microscopici, e quei candeleri di piombo, e quelle pianete di