Pagina:Occhi e nasi.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 59 —

di fiori, accadono dialoghi, che parrebbero inventati, se non fossero veri e ricopiati sul posto. Ecco farsi largo una donnina ancora giovine e abbrunata con molta civetteria, la quale dice al fioraio:

— Vorrei una corona di zolfini, con l’iscrizione: A mio marito.

— Terminati i mariti! — risponde il fioraio nel suo laconismo mercantile — l’ultimo marito l’ho venduto in questo momento. Non mi restano che poche mogli e qualche fidanzato. Vuole invece una corona per mio figlio?

— Dei figli, graziaddio, non ne ho mai fatti e spero bene.

— Pazienza!... sarà per un’altra volta — replica il fioraio, continuando tutto affaccendato a servire i suoi numerosi avventori.

Eppure è così. I grandi dolori di famiglia, tolti alla discreta penombra delle pareti domestiche e portati a spasso sulla pubblica via, perdono la mesta solennità del loro carattere e diventano tante feste profane, e qualche volta, Dio ci liberi tutti, anche carnevalesche.

Il giorno dei morti è là per farne fede!

In quel giorno, per il solito, i cimiteri sono invasi e quasi presi d’assalto da un volgo anonimo, che non ha parenti.... perchè i parenti vivi forse gli son morti, e quelli morti l’ha già dimenticati da un pezzo. Questo volgo, che non soffre nè di malinconia nè di stivali stretti, corre sempre dappertutto, dove c’è folla: e si diverte a tutto. Chiamatelo a scegliere fra due spetta-