Pagina:Occhi e nasi.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 68 —

il fatti-diversaio, ossia il compilatore dei fatti diversi e della cronaca della città,

il corrispondente a piè fermo,

e quello «che fa la Camera» ossia il redattore incaricato di fare il rendiconto delle sedute parlamentari.


*


Romanzi da giornale. — I migliori romanzi da giornale sono quelli che si promettono, e poi non si dànno. Questi romanzi sfuggono alla critica e lasciano nel lettore il dubbio che potessero riuscire interessanti. Questo dubbio è sempre migliore d’ogni certezza!

Vengono dopo i romanzi, che incominciano e non finiscono. Anche questi non mancano di una certa tal quale attrattiva; e in molti casi si possono rassomigliare a quelle gonnelle civettuole, che alzandosi un po’ più del bisogno ti lasciano intravedere soltanto lo stivaletto: ma uno stivaletto che ti fa pensare alla giarrettiera.

Appendicista musicale. — Regola generale: per parlare autorevolmente di musica occorrono due cose principalissime: non saper nulla di musica, e figurarsi d’essere un grand’intelligente.

La musica e la politica sono due materie di dominio pubblico: tutti ne possono discorrere a diritto e a rovescio: anche i sordi e gli analfabeti. Prova ne sia, che le quistioni musicali e politiche, quando finiscono, finiscono quasi sempre così: che nessuno ha torto e nessuno ha ragione.