Pagina:Oddi - Fabrica et uso del compasso polimetro, Milano 1633.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
2

strascinato i bottoncini, i quali quando pervenivano per diritto à certe buche fatte ad arte nella fissura, erano dalle molle sospinti alquanto in fuori, et con questo fermati, senza potersi d’indi muovere se non premuti, et cacciati ad un tempo; et perciò in ogn’una di quelle buche che si fosse fermato il perno, veniva à farsi la testa di due compassi, uno con le gambe lunghe, et molteplici delle curve dell’altro, nella proportione, che ne mostravano alcuni numeri segnati in esse, et conseguentemente così riuscivano ancora gl’intervalli delle loro aperture.

Oltre à ciò per renderlo più isquisito v’aggiunse una vite diritta, che lo teneva unito, et con l’havere i pani, che fino al mezzo voltavano dall’una, e l’altra mano, lo apriva, et serrava tanto minutamente, quanto il bisogno l’havesse ricerco. Strumento in vero ingegnoso, pieno di belle considerationi, et degno d’un tant’huomo, che l’ordinò, et dell’eccelente mano di Simone Baroccio, che l’eseguì con maravigliosa diligenza; mà così difficile à farsi, che se non da pochi artefici si sarebbe saputo imitare, et di qualche spesa, onde non tutti se ne sarebbono potuti provedere.