Pagina:Ojetti - Alla scoperta dei letterati.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e. a. butti 117

realtà lo vuole spettatore e, fors’anche, attore del dramma immenso. Ogni forza viva sottratta al combattimento può pregiudicare l’esito d’una battaglia; e tutte le nostre convenienze più care e più vivaci richiedono che la vittoria non penda dalla parti a noi avversa. — Una bufera di volgarità si è riversata dalla fine del secolo scorso su la società civile, e ne minaccia le basi e tenta di capovolgerne sempre più gli ordini e le autorità. L’organismo sociale è oggigiorno affetto da una terribile nevrastenia, che è il feticismo per le plebi: dalle idee morali di Cristo, che esaltavano fino alla deificazione gli umili, i deboli e gli imbecilli, si è, per cause molteplici, giunti a nuove idee non meno innaturali che vorrebbero chiamare indistintamente tutti gli uomini — solo perchè uomini — alla suprema dignità di legislatori, di governanti e di giudici; — che vorrebbero largire la felicità ad ogni essere umano, mediante, il principio grottesco che ognuno deve essere remunerato