Pagina:Ojetti - Alla scoperta dei letterati.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
142 giovanni pascoli

amante della solitudine per aver bene conosciuto gli uomini. Quando parla dell’arte sua, comincia a passeggiare per lungo e per largo la stanza, così da obbligare allo stesso esercizio anche il suo interlocutore, se pur questi non preferisce un giramento di testa.

La sua poesia, come i lettori delle Myricæ ben sanno, è tutta semplice, sobria: su due argomenti vive principalmente, l’affetto che unisce le persone di una stessa famiglia, e il paesaggio campestre osservato con acume di poeta fino nelle minime luci e nelle minime ombre. M’han detto che il Pascoli abbia da giovine perduto il padre tragicamente; da pochi anni la madre lo ha seguito al camposanto, ch’egli invoca cosi:

O casa di mia gente, unica e mesta,
O casa di mio padre, ultima e muta,
Dove l’inonda e muove la tempesta...

E quelle tombe sinistramente dominano tutta la poesia sua a ogni foglio, a ogni