Pagina:Omero - L'Odissea (Romagnoli) I.djvu/301

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
238 ODISSEA

ché sono sacre, queste giovenche, e le pecore pingui
a un Dio possente, al Sole che tutto vede e tutto ode».
     Dissi. E la mia parola convinse quelle anime prodi.
E per un mese Noto soffiò senza tregua; né alcuno
sorse degli altri venti: spiravan sempre Euro e Noto.
Ora, sinché durò vivanda e purpureo vino,
per il timor della vita, nessuno toccò le giovenche;
e quando poi dal legno consunte fûr tutte le dapi,
necessità li spinse, che andassero attorno, cacciando
pesci, od uccelli, o qual preda cadesse lor sotto le mani.
     Ora, nell’isola un dí m’addentrai: ché volevo una prece
volgere ai Numi, se alcuno m’addita la via del ritorno.
E, come giunto fui lontano dai cari compagni,
in una parte al riparo dai venti, deterse le mani,
pregai tutti i Celesti, quanti hanno dimora in Olimpo.
Quelli, soave sonno profusero a me su le ciglia;
ed un consiglio intanto Euriloco diede ai compagni:
«Datemi retta, per quanto prostrati dai mali, o compagni.
Certo, odiosa per l’uomo tapino è ogni specie di morte;
ma la piú misera fine, di certo, é morire di fame.
Dunque, su via, le giovenche del Sole pigliam, le piú grasse
ed immoliamole ai Numi che hanno dimora in Olimpo.
Ché se in Itaca poi torneremo, alla terra natale,
súbito allora al Sole che il cielo traversa, un gran tempio
innalzeremo, e in esso porrem tante statue belle.
Ché se, sdegnato poi per le vacche dai corni superbi,
voglia vederci morti, né alcuno dei Numi contrasti,
meglio ingozzare l’acqua, morire, una volta, alla fine,
che striminzire piú a lungo, restando in quest’isola grama "’
     Queste parole disse Euríloco; e niuno si oppose.