Pagina:Omero minore.djvu/215

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
212 IL MARGITE

In un altro si insiste e si specifica:

Non aratore, né zappatore lo fecero i Numi,
né d’alcun’arte esperto: ché dove provava sbagliava.

Il terzo, cosi come c’è giunto, separato dal contesto, è perfettamente anodino:

Ministro delle Muse, d’Apollo che lunge saetta.

Il Margite era attribuito ad Omero già da Archiloco, la cui testimonianza fu seguita senz’altro da Platone e da Aristotele. Questi, anzi, dice esplicitamente che il Margite sta alla commedia come l’Iliade e l’Odissea stanno alla tragedia. Parrebbe dunque che egli, che conosceva il poema, non lo reputasse indegno di Omero.

E quindi potrebbe essere che anche qui fosse ingiustificato, o, per lo meno esagerato, lo scetticismo dei critici moderni.