Pagina:Opere complete di Galileo Galilei XV.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
294 poesie.

Dove allor si vedeva a un dipresso,
     Innanzi che venisser alle prese,
     87La proporzion tra l’uno e l’altro sesso.
Non si temeva allor del mal franzese,
     Però che stando ignudo alla campagna,
     90S’uno avea qualche male, era palese:
E s’una donna avea qualche magagna,
     La teneva coperta solamente
     93Con tre o quattro foglie di castagna.
Così non era gabbata la gente,
     Come si vede ch’ell’è gabbat’ora,
     96Se già l’uomo non è più che intendente.
Che tal par buona, veduta di fuora,
     Che se tu la ricerchi sotto il panno,
     99La trovi come il vaso di Pandora.
E così d’ogni frode e d’ogn’inganno
     Si vede chiaro che n’è sol cagione
     102L’andar vestito tutto quanto l’anno.
Un’altra e non minor maledizione
     Nasce tra noi di questa ria semenza,
     105Che tiene il mondo in gran confusïone:
Quest’è la maggioranza e preminenza
     Che vien da’ panni bianchi, oscuri e persi,
     108Che pongon tra i Cristian la differenza.
Questa pospone a’ monaci i conversi,
     Antepon l’oste a’ suoi lavoratori,
     111E dai padron fa i sudditi diversi.
Dove in que’ tempi non eran signori,
     Conti, marchesi o altri baccalari,
     114Nè anche poveracci o servidori.
Tutti quanti eran uomini ordinari,
     Ognun si stava ragionevolmente,
     117Eran tutti persone nostre pari;