Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Libro terzo, Ode XXI. 143


Con qual sia nome lo scelto massico
    Tu serbi, degna d’essere in fausto
        Dì tratta, ad onor di Corvino,
        8Scendi, e versa i decrepiti vini.

Non ei, quantunque sia de’ socratici
    Sermoni infuso, irto trascùrati:
        Spesso e il vecchio Catone, è fama,
        12La virtù riscaldava col vino.

Dolce tu rechi tormento all’animo
    Duro non rade volte; de’ savj
        Le cure e l’arcano consiglio,
        16Di Lieo tra gli scherzi tu sveli.

Tu le speranze richiami all’ansie
    Menti e il vigore; tal nerbo al povero
        Tu dài, che feroci, a te dietro,
        20Regie lance e guerrieri ei non teme.

Te Bacco e lieta, se accorre, Venere,
    Te riterranno le Grazie, a sciogliere
        Lente il nodo, te i vivi lumi,
        24Finchè gli astri il Sol reduce fuga.