Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Libro terzo, Ode XXIII. 145


Non sentiranno pestifero africo
    Le pingui viti, non steril ruggine
        Le spiche, nè i teneri allievi
        8Dell’autunno pomoso l’asprezza.

L’ostia devota, che sopra l’Algido
    Nevato pasce fra querci ed ilici,
        O che d’Alba cresce fra l’erbe,
        12Tingerà del suo collo le scuri

Pontificali; non a te addicesi
    Tentar con molta strage di vittime
        Bidenti i Dei piccoli: intreccia
        16Rosmarino con fragile mirto.

Se tocchi l’ara con mano innocua,
    Pio farro, mica di sal che crepiti,
        Ammollisce, più che pomposo
        20Sagrificio, gli avversi Penati.


10.—Rapisardi, Opere. Vol. V.