Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/245

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Conforto 245


CONFORTO




S’io precipiti o poggi
     Per l’alta ombra non so:
So che com’ieri ed oggi
     4Devoto al Ver vivrò.

Chiede la terra ignara:
     Figlio, che vuoi da me?
Fuor che una fredda bara.
     8Nulla offrir posso a te.

Madre, il tuo freddo ostello
     Il mio crogiuol sarà:
L’anima mia novello
     12Stato e sembiante avrà.