Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36 Le Odi di Orazio


Non Dindimèna, non squassa agli aditi
  De’ sacerdoti la mente il Pitio,
    Non Libero al pari, se i bronzi
    8Acri battan danzando i Cureti,

Come triste ire, cui non già norica
  Spada atterrisce, non mare naufrago,
    Nè indomito foco, nè Giove
    12Ruinante in tumulto tremendo.

Fama è, che astretto Prometeo a giungere
  Al fango primo di tutti gli esseri
    Un briciolo, in petto il furore
    16Dell’insano leone ci pose.

L’ire in esizio grave prostesero
  Tieste, e ad alte città diêr l’ultima
    Cagion per che a fondo perîro,
    20E insolente l’esercito impresse

L’ostile aratro ne’ valli. L’animo
  Frena: me pure tentò la collera
    Negli anni soavi, e furente
    24Nei volubili giambi cacciommi.