Pagina:Opere di Niccolò Machiavelli VI.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132

scerne in tutto la verità. Chiamatigli adunque a concilio, parlò Plutone in questa sentenza: Ancor che io, dilettissimi miei, per celeste disposizione e fatale sorte al tutto irrevocabile possegga questo regno, e che per questo io non possa essere obbligato ad alcuno giudizio o celeste o mondano, nondimeno, perch’egli è maggiore prudenza di quelli che possono più, sottomettersi più alle leggi e più stimare l’altrui giudizio, ho deliberato esser da voi consigliato, come in uno caso, il quale potrebbe seguire con qualche infamia del nostro imperio, io mi debba governare. Perchè, dicendo tutte l’anime degli uomini, che vengono nel nostro regno, esserne stato cagione la moglie, e parendoci questo impossibile, dubitiamo che, dando giudizio sopra questa relazione, ne possiamo essere calunniati come troppo creduli, et, non ne dando, come manco severi e poco amatori della giustizia. E perchè l’uno peccato è da uomini leggieri, e l’altro da ingiusti, e volendo fuggire quegli carichi, che da l’uno e l’altro potrebbono dipendere, e non trovandone il modo, vi abbiamo chiamati, acciocchè, consigliandone, ci aiutiate e siate cagione che questo regno, come per lo passato è vivuto senza infamia, così per l’avvenire viva. Parve a ciascheduno di quegli Principi il caso importantissimo, e di molta considerazione; e, concludendo tutti come egli era necessario scoprirne la verità, erano discrepanti del modo. Perchè, a chi pareva che si mandassi uno, a chi più nel mondo, che sotto forma di uomo conoscessi personalmente questo vero; a molti altri occorreva potersi fare senza tanto disagio, costringendo varie anime con varii tormenti a scoprirlo. Pure, la maggior parte consigliando che si mandassi, s’indirizzarono a questa opinione. E non si trovando alcuno, che volontariamente prendesse questa impresa, deliberarono che la sorte fisse quella che lo dichiarasse. La quale cadde sopra Belfagor arcidiavolo, ma per l’addietro, avanti che cadesse dal cielo, Arcangelo. Il quale, ancora che male volentieri pigliasse questo carico,