Pagina:Opere di Niccolò Machiavelli VI.djvu/188

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
168 mandragola

SCENA QUARTA.


SIRO SOLO.


Siro
Se gli altri dottori fussero fatti come costui, noi faremmo a sassi pe’ forni: che sì, che questo tristo di Ligurio e questo impazzato di questo mio patrone lo conducono in qualche loco, che gli faranno vergogna! E veramente io lo desiderrei, quando io credessi che non si risapessi: perchè risapendosi, io porto pericolo della vita, il padrone della vita e della roba. Egli è già diventato medico: non so io che disegno si sia il loro, e dove si tenda questo loro inganno. Ma ecco il dottore, che ha un orinale in mano: chi non riderebbe di questo uccellaccio?


SCENA QUINTA.


M. NICIA, E SIRO.


Nicia
Io ho fatto d’ogni cosa a tuo modo: di questo vo’ io che tu facci a mio. S’io credevo non avere figliuli, io arei preso più tosto per moglie una contadina. Che se’ costì, Siro? Viemmi drieto. Quanta fatica ho io durata a fare che questa monna sciocca mi dia questo segno! E non è dire che la non abbi caro fare figliuoli, chè la ne ha più pensiero di me; ma, come io le vo’ far fare nulla, egli è una storia!
Siro
Abbiate pazienzia: le donne si sogliono con le buone parole condurre dove altri vuole.
Nicia
Che buone parole! chè mi ha fracido. Va ratto, di’ al maestro ed a Ligurio che io son qui.
Siro
Eccogli che vengon fuori.