Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
xvi

tutte erano dirette, avrebbero potuto formare argomento di onore a Giustiniano; ma che le singole, alle quali il debito fine non corrispondeva, ne formavano un giusto argomento di colpa. Procopio adunque, che co’ suoi libri sugli Edifizii non poteva trarre in inganno i contemporanei, senza la Storia Segreta con que’ libri avrebbe affidata al tempo una fraude detestabile anche riferendo fatti verissimi; e molto sarebbesi pregiudicato nella opinione de’ posteri, che dalle testificazioni d’altri scrittori, o contemporanei, o vivuti nel tempo immediatamente susseguito, non avrebbero mancato di averlo sospetto. Colla Storia Segreta adunque mise nel suo vero lume la verità per l’eminente oggetto, che la storia si propone, il quale non è solamente di comunicare ai posteri ciò che si è fatto, ma inoltre d’istruirli del come e del perchè si è fatto. Laonde vanità e