Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
266 GUERRE PERSIANE

guado, sinchè le sue acque non raggiungono, a destra, i confini dell'Iberia e, di contro, le radici del monte Caucaso, dove traggon lor vita molte genti nel cui novero sono gli Alani, gli Abasgi1, cristiani ed antichi federati dell'imperio, i Zechi e dopo essi gli Unni, detti parimenti Sabiri. Quivi il Boas, rigonfiatosi colle acque di altri fiumi e cambiato il suo nome primitivo con quello di Fasi, scorre navigabile infino al mare Eussino, ove mette foce2; ed in questo luogo appunto di qua e di là ti si appresenta la regione de’ Lazj, popolatissima a' diritta sino alle frontiere dell'Iberia e, ricca di cittadi, tra le quali ricorderò la fortissima Archeopoli, Sebastopoli3, Rodopoli, e Morosisi, oltre i forti

  1. (1) Abaschi (Cousin). «Passata una delle estremità del Ponto e dopo gli Apsilii tutta la regione sino al Caucaso e occupata dagli Abasgi. Questa gente in antico era dominata dai Lazj, avvegnachè obbedisse a due nazionali capi, l'uno de’ quali comandava la parte occidentale, e l'altro l’orientale.» ( St. Misc., cap. 3 ).
  2. (2) «Ma prima di gnescervi le sue acque piglia il nome di Acampsis, che è quanto dire senza giravolte; imperciocchè avvicinatosi al Ponto vi precipita con impeto sì forte da impedire la navigazione tanto ai vascelli in corso alla volta della Lazica, quanto a quelli che da lei si partono, a meno che i piloti non trascorrano sino al mezzo del mare per trovarvi un passaggio» (St. Misc., cap. 2).
  3. (3) Archeopoli, potrebbele convenire la posizione della moderna Ruki, dimora dei principi del paese. - Sebastopoli, città una volta popolatissima sopra ogni altra della Colchide, accorrendo a lei vicine e lontane genti. Sembra in oggi aver cambiato l'antico suo nome con quello di Iskuriah, non essendo il secondo che un’alterazione del primo, il quale può significare città augusta.