Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/480

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
456 GUERRE VANDALICHE

Cartagine al duce romano, il quale appena videsi non inferiore di combattenti agli avversarii divisò cominciare la guerra.

II. Stoza anch’egli considerando il disertar grandissimo e giornaliero de’ suoi, per tema non addivenisse maggiore pensò giunta omai l'ora di por mano alle armi e di tentare un colpo decisivo; prese quindi il partito d’assalire improvvisamente il nemico, nella fiducia che venendogli dappresso non poche delle truppe cartaginesi tornerebbero a lui; e si valse pare di questo non più che suo desiderio ad incoraggiare l'esercito, mostrandogli per cagione di ciò sicurissima la vittoria. Tutti adunque corron a furia la via di Cartagine, e lunge da lei soli trentacinque stadj piantano il campo. Germano similmente animati gli imperiali e messili in ordinanza di battaglia esce della porta, ove all'udire il ribelle vicino chiamatili a parlamento cosi dicea:

III. «Egli è debito vostro, o commilitoni, il confessare tutti ad una voce che non havvi tra voi chi a giusto titolo richiamar si possa dell'imperatore, andando esente da ogni rimprovero la sua condotta a vostro riguardo; il quale anzi raccoltivi dalle campagne di Bizanzio con vilissima tonaca ed una bisaccia indosso, tali vi rende che potete oggi disporre della sorte de' Romani; con quanto peri vituperio e perfidia, non aggiugnendo cose peggiori e gravissime oltre ogni credere, ne fosse da voi ricambiato ommetto volontiermente di qui rammentare. Egli tuttavia, acciocchè ne serbiate di continuo la memoria, accordovvi illimitato e generoso perdono senz’altra mercè da voi