Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/508

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
484 GUERRE VANDALICHE

e spento. La nuova raggiunse a Stoza sull'ultim’ora sua, e uditala esclamo: «dolcissima cosa m'è adesso l’uscire di vita. » Nel combattimento fu morto eziandio Giovanni, fratello d’Artabano, dopo bellissime pruove di valore contro i barbari. A tali annunzj Giustiniano, sommo estimatore della virtù di lui, molto addolorò, e quindi riputato superfluo il tenere nell'Africa due governatori, commise a Sergio, richiamatolo di là coll'esercito, altre faccende nell'Italia.

C A P O XXV.
Gontari sollecita i Maurusii a mover guerra ai Romani; suoi occulti maneggi con Antala. — Areobindo seduttore di Cutsina. — Trame di Gontari contro Areobindo.

I. Nel terzo mese dopo la partita di Sergio Gontari aspirò di questo modo alla tirannia. Sendo egli condotttero delle truppe in Numidia ebbe co’Maurusii occulte pratiche affine di persuaderli a venire sopra Cartagine ed i barbari, levato di fretta nella Bizacene e nella Numidia un esercito, sorprendonne a gara le terre. Ai Numidi eran duci Cutzina e Iabda, ai Bizaceni Antala; avevano di più a compagno Giovanni succeduto nel comando al morto Stoza. Areobindo avvisato della poderosissima oste nemica sulle terre imperiali spedisce alla volta di Cartagine molti duci, e Gontari, uno di loro, avvegnachè promettessegli di volersi mostrare zelantissimo nella guerra mancò alla data parola; che anzi a sè chiamato un suo prigioniero maurusio, di professione